Perchè il tuo business online non genera vendite

vendita business online

Molto spesso fai un buon lavoro, riesci a creare i presupposti giusti per far rendere bene il tuo business online, hai capito finalmente come strutturare un’attività sul web e dedichi parte del tuo tempo a migliorare il tuo blog, cerchi di renderlo più accattivante, passi settimane a migliorarlo ma vedi che di vendite (che sia un tuo prodotto fisico, un infoprodotto) ne fai ben poche. Ti chiedi il perché…
Per quale motivo fai difficoltà a vendere e quindi a monetizzare il tuo sito?
Prova a riflettere su queste cose qui di seguito, e se ti ci ritrovi in una di queste cerca di cambiarla subito.

  • Il motivo principale è che non hai un folto gruppo di persone che ti seguono. Per avere successo devi passare attraverso tante persone che ti apprezzano e ti stimano. Vedono in te una persona competente e una guida da seguire. Solo chi ha fiducia in te acquistera7à tuoi prodotti o prodotti che consigli.
    Un esercito di tuoi “seguaci” potranno formarsi attraverso il tuo blog, oppure attraverso una fan page su Facebook, potrai avere dei follower su Twitter;  ecc.
    Fatti conoscere per le tue competenze e per saper creare relazioni con chi ti segue. Dovrai farti un po’ il mazzo all’inizio per avere una notorietà orientata alla fiducia dell’utente. Concentrati sul crearti un seguito di persone interessate a ciò di cui tratti.
  • Non ti stai rivolgendo alla nicchia giusta.
    Se scrivi i tuoi contenuti non pensando a quale nicchia ti rivolgerai ti porterà dei danni. devi essere molto specifico nei tuoi messaggi. Devi far capire subito CHI SEI TU E COSA PUOI FARE PER LA TUA NICCHIA. Se l’utente non ha ben chiaro quale vantaggio specifico può avere seguendo te e il tuo sito farai fatica a fare vendite.
    Se ti rivolgi ad ua categoria molto più vasta potrebbe risentirne anche la tua indicizzazione su Google.
    Perché? Perché se offri contenuti che alle persone che arrivano dsulk tuo blog non sono molto interessanti se ne andranno dopo poco, se non subito. Se tu parli di moto e il tuo visitatore è appassionato di Honda è probabile che dopo poco abbandoni il tuo sito, e andrà in cerca di un sito dove si parla di moto Honda. Se non parli di Honda o per lo meno non gli è subito chiaro “cosa puoi fare di utile per lui” come ad esempio implementare nel tuo sito un ecommerce con pezzi di ricambio Honda a buoni prezzi.
    Questo per Google è un fattore rilevante perché interpreterà la repentina uscita dal tuo blog del’utente come “scarsa qualità” di contenuti. Il bound rate è una percentuale che indica quanti rimbalzi il tuo sito riceve e tradotto per i meno esperti significa quant’è la percentuale di utenti che abbandonano subito il tuo sito. Più il tempo di permanenza dell’utente è maggiore e più salirai in cima nei risultati dei motori di ricerca.
  • Un altro errore è quello di non creare una o più opt-in form nel tuo sito. Quando avrai traffico hai bisogno di un modo per farli diventare tuoi seguaci. Un utente arriva su tuo sito, se non trova qualcosa di utile se ne va. Se trova qualcosa di utile rimane sul sito pe un po’ ma potrebbe non compiere nessuna azione utile per te (una condivisione, un like, un commento, un click, un acquisto) ma molti di loro se ne andranno. Questo lo puoi fare solo molto bene se inserisci un form dove possono registrarsi e rimanere in contatto con te. Per capire bene questo concetto leggi questo post.

Cosa dovrai fare allora? Incomincia subito ad inserire almeno un modulo di iscrizione ben visibile sul tuo blog (lo piazzerai in alto a destra) dove diversi test hanno messo in evidenza che sia la posizione migliore per fare iscrizione. E non inserire un modulo con la classica scritta :”iscriviti alla newsletter”.

Rifletti ora su questo errore e vedi se lo compi anche tu. Può sembrare una banalità ma non lo è. E’ importante per conversioni ottimali. Ora ti chiedo: “Sei sicuro che i passaggi che separano l’entrata del tuo del visitatore (nel tuo sito) in un acquisto non richiede passaggi oscuri  o ce ne sono troppi?”

vendite business online
Fagli trovare la tua pagina di vendita

Per fare in modo di vendere meglio dovrai far trovare con chiarezza il modo in cui faranno l’acquisto. Se non trovano con semplicità la pagina del tuo prodotto le tue vendite ne risentiranno. Non sottovalutare questo elemento, perché l’internauta se non trova in pochi secondi dov’è il pulsante d’acquisto del prodotto in molti casi desiste dell’acquisto! Purtroppo è così. Dovrai guidarli indicendoli chiaramente all’azione usando comandi del tipo “lo trovi qui” o  “acquistalo da questa pagina” oppure “prendi il tuo ebook cliccando qui”. Se crei una pagina con i tuoi prodotti ma non dai mai direttive su come raggiungerla rimarrà lì senza essere mai vista o cliccata.

L’utente deve essere guidato verso l’acquisto,difficilmente lo farà da solo.

Se ti è piaciuto l’articolo condividi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...