Essere un imprenditore di un e-commerce è una figata! O forse no?

Le statistiche dicono che nel nostro paese stiamo assistendo ad un boom degli ecommerce.

Nel 2013 il fatturato complerssivo degli ecommerce in Italia è aumentato del 6 %, mentre nel 2014 c’è stato ancora un incremento rispetto all’anno prima registrando una percentuale di crescita dell’8 %. Per l’anno 2015 il fatturto sembra destinato a salire.

Ecco che tanti presunti imprenditori ci provano e si lanciano in questo business miliardario (fatturati 24 miliardi di euro quest’anno).
Il loro pensiero suona più o meno così: “Facciamo un sito internet, molto evoluto nella grafica, vendiamo tanti prodotti e portiamo un sacco di traffico al sito. Vedrai che spacchiamo tutto!”
Quando si crea un sito si fanno queste cose:
Facciamo un sito, che sia accattivante, facile per la navigazione dell’utente, con tutti i pulsanti e le pagine ottimizzate.
Che tradotto significa “paghiamo una agenzia web” per farci fare il lavoro.

Vendiamo un sacco di prodotti! Più prodotti abbiamo e più vendiamo! Ovvio no? Ecco che in catalogo spuntano fuori centinaia di articoli. Centinaia di pagine web per descrivere le caratteristiche del prodotto, per aggiungere le immagini, i pulsanti di aggiunta al carrello, al pagamento ecc.
Risultato: tanta fatica e tante pagine da indicizzare per l’ottimizzazione sul motore di ricerca.

Troviamo prodotti a basso costo! Se costano poco la gente li acquisterà più facilmente.
Ok la gente li acquisterà. Dopo una vendita sei soddisfatto. Ne arrivano a centinaia, poi a migliaia.
tutto bello…fino a quando non ti fai due calcoli.
Costo del sito, manutenzione del sito, giacenze di magazzino (se non fai dropshipping), e soprattutto marketing. Se non spendi soldi nel marketing come fai a far sapere che esisti? Ti può dare una mano il SEO ma gli esperti li hai già ingaggiati e pagati.
Dopo aver effettuato i tuoi conti ti rendi conto che nonostante le tante vendite grazie ai tuoi prezzi imbattibili il tuo utile è inesistente. Se non stai attento finisci addirittura per rimetterci.
Per consolarti sappi che sei in buona compagnia: almeno l’80 % dei siti ecommerce si trova in questa situazione ed ha chiuso i battenti. Solo per pagare una web agency ci avranno rimesso migliaia di euro.
Peccato che la web agency ha delle competenze tecniche che non ti sono utili per il tuo sogno imprenditoriale.

La web agency si preoccuperà se il tuo sito abbia una buona redditività? No, non è il suo lavoro.
Adotterà sistemi per innalzare le vendite e i profitti? No, non è il suo lavoro. Ti dice quali tipologie di prodotti funzionano? No, non è il suo lavoro.

Vendere prodotti e servizi è alla base dell’imprenditoria.

Una web agency  ti fa pagare (spesso caramente) il loro lavoro di creazione del sito e-commerce  e la sua indicizzazione.
Ma riflettiamo un attimo: il tuo sito è figo! Dai un’occhiata ad altri ecommerce e noterai quanti siti fighi ci sono.
Il mio sito è indicizzato bene sui motori di ricerca. Supponiamo che tu decida di aprire un ecommerce di abbigliamento.
Prova a cercare sul motore di ricerca di Google la parola abbigiamneto, prodotti abbigliamento, capi di abbiglisamento, oppure parole più specifiche come camicia uomo, pantaloni donna ecc… Guarda quel valore numerico che Google ti sbatte in faccia: la ricerca ha prodotto 1.458.629.000 di risultati! 🙂
Se ancora sei convinto che tra i milioni di siti di ecommerce il tuo sito finisca in prima pagina ti consiglio di spegnere il pc e non entrare più sul web 🙂
Ti faccio solo qualche domanda. Rispondi sinceramente.
Sei davvero sicuro che potresti competere ad esempio con Amazon e Zalando?? Che servizio assistenza potresti offrire? Quali garanzie puoi dare ai tuoi clienti? Quanta fiducia avrai rispetto a questi due colossi? (ma ce ne sono molti di più di concorrenti). Pensi di riuscire a scavalcarli a livello SEO? E a livello di “esperienza di vendita dell’utente”?

Non ti serve a nulla investire migliaia di euro per avere un sito che sia bello. Non ti è sufficiente investire in marketing se il prodotto non ha richiesta nel mercato. Non ha senso spendere migliaia di euro per pagare terze parti che ti ottimizzino tutto il tuo sistema, non ha senso pagare dei dipendenti per fare assistenza ai clienti.

Se hai molti prodotti
se hai pianificato una strategia di web marketing
se hai prezzi competitivi
se hai un sito stellare
se hai uno o più prodotti di eccelsa qualità

Non ti aspettare di avere un sito ecommerce che ti faccia guadagnare!
Questi elementi anche se presi tutti assieme non ti garantiscono di avere un sito e-commerce che ti porti guadagni in tasca.

Facciamo un esempio pratico. Supponi che tu voglia creare un ecommerce per un mercato fiorentissimo: la vendita di cellulari. Come potrai battere il milione e mezzo di altri siti  che  propongono uno smartphone? E’ un mercato milionario. Concorrenza a dir poco paurosa! Oltre alla concorrenza di grossi competiror dovrai anche battere la concorrenza di altri mille siti che vendono smartphone.

Come puoi far sì che chi voglia acquistare uno smartphone scelga te?

Dovrai fare una ricerca di mercato. Il mio smartphone mi aveva lasciato ( aveva smesso di funzionare all’accensione, bloccandosi sulla schermata iniziale,dove al centro vi era il logo della Vodafone. A quel punto senza pensarci due volte ho cercato un altro smartphone. Questa era anche  l’occasione giusta per fare anche una ricerca di mercato 😛

Tra i milioni di smartphone ne avevo visto uno che non mi dispiaceva affatto . Volevo un quad-core, da 4,5″, Hd e altre funzionalità. Mi imbattei su alcuni siti che vendevano questo smartphone. Avevano quel telefono, era di una determnata marca ma.. bisognava ordinarlo e farlo arrivare da un paese straniero.   Ciò voleva dire tempi di attesa lunghi, e pagare dazi doganali non indifferenti. Per non parlare dell’assistenza assente. E trovare pezzi di ricambio nel nostro territorio per quella marca era un’impresa titanica.  Ciò significa desistere dall’acquisto e acquistare un’altra marca di smartphone.

Ma l’imprenditore di nicchie cosa fa?

lancio guadagno nicchie

Dopo un’analisi del mercato sa perfettamente quante persone cercano quella marca e quel modello di smartphone, analizza quindi se ci sono i numeri per crearci un business (ecommerce di smartphone) , studia la concorrenza e tiene in considerazone altri fattori. Se tutto ciò rispecchia alcuni parametri l’imprenditore di nicchie:

DIVENTA RIVENDITORE UFFICIALE DI QUELLA MARCA DI SMARTPHONE PER IL TERRITORIO ITALIANO

 

 

Facciamo un caso ipotetico: In Italia siamo più di 50 milioni di cui 40 milioni di residenti italiani possiedono uno smartphone.

Su questi 40 milioni almeno 100.000 persone cercano su internet e vorrebbero acquistare quel modello e quella marca. Ma viste le difficoltà viste in precedenza non lo acquistano. I loro soldi finiscono nelle tasche di altri rivenditori.

L’imprenditore di nicchie lo sa e ora che è rivenditore ha una potenziale nicchia di 100.000 persone che sono interessate alla marca che propone. Con buone strategie di marketing è il punto di riferimento in Italia. I soldi dei clienti vanno in tasca a lui e non ad altri rivenditori di altre marche. Se per ogni clienti lui ottenesse un guadagno netto anche di solamente 1 euro si sarebbe intascato 100.000 euro!

Capisci cosa voglio dire? Su un mercato di 40 milioni di persone che hanno uno smartphone lui si è rivolto allo 0,0025% di queste persone ( Sembra una percentuale ridicola!) egli si è ritagliato la sua fetta di mercato e ci guadagna da vivere (alla grande!!).

Morale della favola:

Prima di spendere anche un solo euro in qualsiasi attività sia essa un business offline o online, sia un blog o un e-commerce studia il mercato. Individua la nicchia. Agisci per la nicchia. Consulta la guida gratuita “nicchie di mercato” prima di intraprendere un business.

Se non individui la nicchia giusta e non lavori bene sui 3 + 1 elementi che ti facciano ritagliare il tuo mercato sei nei guai. Avrai speso una valanga di soldi per crearti un’attività che non ti porta alcun profitto.

Spero che avrai compeso meglio le difficoltà di un ecommerce e, se proprio vuoi intraprendere questo tipo di business,  ti ho dato uno spunto su come non farsi schiacciare dai competitors.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...